Porsche alla Mille Miglia 2011

,Mille Miglia 2011 sono 35 le Porsche al via da Brescia
In occasione della edizione rievocativa della celebre corsa bresciana, sono numerosi gli equipaggi iscritti alla guida delle vetture storiche della Casa di Stoccarda.

Brescia. Sono 35 le Porsche storiche iscritte alla Mille Miglia che partirà il 12 maggio prossimo da Brescia.
Otto sono i modelli 550, mentre ben 27 sono le 356. A guidarle uno svedese, tre olandesi, quattro belgi, un inglese, otto tedeschi, un austriaco e diciassette italiani.
Tra queste auto storiche, cinque (una 550 e quattro 356) provengono direttamente dal Museo Porsche di Zuffenhausen ed una dalla collezione di Porsche Italia: una 356 Speedster che sarà guidata dalle giornaliste Francesca Grimaldi e Laura Confalonieri.

Contrassegnato da tag

Auto radioattive

La tragedia giapponese ha costretto anche l’industria automobilistica nipponica a fermarsi, anche e soprattutto per risparmiare energia.
Ma è possibile che le radiazioni abbiano colpito anche le fabbriche stesse. Quando riprenderanno l’attività le auto prodotte saranno contaminate? E le auto già costruite in attesa di essere consegnate, stoccate sui piazzali delle fabbriche?

Porsche 911 Black Edition

Stoccarda. Nella primavera del 2011, il mondo della 911 sarà ancora più affascinante. Porsche propone una raffinatissima edizione speciale derivata dalla potente Carrera da 345 CV con motore da 3,6 litri. La 911 Black Edition, dotata di un equipaggiamento particolarmente ricco, sarà disponibile in versione coupé o cabriolet con trazione posteriore e, naturalmente, solo in colore nero. L‘esclusività ed il prezzo rendono questa vettura ancora più interessante. La 911 Black Edition sarà prodotta in edizione limitata a 1.911 esemplari e verrà offerta allo stesso prezzo dei modelli base Carrera: in Italia la versione coupé viene venduta a 87.212,00 Euro, la versione cabriolet a 98.612,00 Euro, inclusa IVA per entrambe le versioni. Il lancio sul mercato è previsto a partire da aprile 2011.

 

La 911 Black Edition è offerta, di serie, in colore dell’esterno nero, ma è disponibile su richiesta anche in colore nero basalto metallizzato. La capote della versione cabriolet è realizzata principalmente in tessuto in colore nero. Il giusto contrappunto è fornito dai cerchi da 19 pollici 911 Turbo II in versione bicolor, la cui bicromia si sposa perfettamente con il colore sobrio ed elegante dell‘esterno. I cerchi, inoltre, lasciano intravedere l‘impianto frenante con pinze fisse in alluminio e struttura monoblocco a quattro pistoncini, naturalmente in colore nero. La fascia scura nel parabrezza, presente di serie nella 911 Black Edition, completa armoniosamente l‘immagine d‘insieme. Continua a leggere

Porsche Cayman R

Stoccarda. Porsche dedica la lettera “R” alle auto sportive molto speciali: reattiva e raffinata, ma, soprattutto, essenziale. La nuova Cayman R associa tutte queste caratteristiche, senza compromessi. 55 kg in meno e 10 CV in più rispetto alla Cayman S: la nuova coupè a motore centrale di Porsche è concepita per prestazioni straordinarie su strada. Grazie al telaio sportivo appositamente adattato offre un’esperienza di guida ancora più precisa rispetto alla Cayman S. La Cayman R fa il suo debutto mondiale oggi all’Auto Show di Los Angeles.
La nuova coupè con motore centrale è spinta da un motore potenziato a sei cilindri da 3,4 litri che sviluppa 330 CV (243 kW). La trasmissione della potenza alle ruote posteriori è affidata al cambio manuale a sei marce, offerto di serie, che consente alla vettura di effettuare l’accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,0 secondi. Come optional è disponibile il cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) a sette rapporti, che riduce il tempo di accelerazione a 4,9 secondi. Per prestazioni ancora più brucianti, la Cayman R può essere equipaggiata con uno dei pacchetti opzionali Sport Chrono, che abbassano l’accelerazione da 0 a 100 km/h a 4,7 secondi. La Cayman R raggiunge una velocità massima di 282 km/h con il cambio manuale e di 280 km/h con il PDK. I consumi secondo il NEDC (Nuovo ciclo di guida europeo) sono pari a 9,7 l/100 km con il cambio manuale a sei marce e a 9,3 l/100 km con il PDK. L’obiettivo principale durante la progettazione della Cayman R era migliorare ulteriormente performance, dinamica di guida e agilità attraverso una drastica riduzione del peso. Grazie ad un peso a vuoto (secondo DIN) di soli 1.295 chilogrammi, gli ingegneri Porsche sono riusciti ad ottenere un rapporto peso/potenza di soli 3,9 kg/CV con il cambio manuale di serie e di 4,0 kg/CV con il PDK. La maggiore riduzione del peso è stata possibile grazie all’impiego di componenti leggeri ed eliminando gli elementi di comfort non in linea con lo spirito del modello. Come per la 911 GT3, la 911 GT3 RS e la Boxster Spyder anche per la Cayman R è disponibile, come optional, una batteria in struttura leggera agli ioni di litio. Inoltre, il modello di punta di questa coupè a motore centrale monta i cerchi da 19 pollici più leggeri offerti dal programma Porsche. Il kit ruote completo pesa meno di 40 chilogrammi.
Basta uno sguardo per intuire subito la vocazione e il carattere sportivo della Cayman R. La carrozzeria ribassata di 20 mm rispetto alla Cayman S, in combinazione con il caratteristico spoiler posteriore fisso, i pregiati cerchi in struttura leggera verniciati in colore argento e i numerosi dettagli sportivi sia negli interni sia all’esterno conferiscono alla Cayman R un carattere decisamente originale. I fari con profilo nero, gli specchi retrovisori esterni in colore nero e la scritta Porsche sulla fiancata della vettura, in colore a contrasto nero o argento a seconda del colore della carrozzeria, richiamano la tradizione sportiva Porsche.
Proprio la sigla “R” è stato il marchio di fabbrica della prima Porsche con questa denominazione, la R 911 del 1967 prodotta in una piccola serie limitata a 19 esemplari per l‘impiego nelle competizioni. Questo prototipo, basato sulla coupè di serie con motore Carrera 6 da 210 CV, grazie ai numerosi componenti in materiale plastico e agli equipaggiamenti comfort ridotti all’essenziale, pesava appena 830 kg.
La nuova Porsche Cayman R sarà disponibile sul mercato a partire da febbraio 2011. Il prezzo in Italia è di 71.372,00 Euro (inclusi gli equipaggiamenti specifici e l’IVA al 20%).
GO

Contrassegnato da tag

Volkswagen: il cambio DSG a 7 marce

Come la versione a 6 marce, anche il cambio DSG a 7 marce è stato sviluppato interamente dalla Volkswagen. La realizzazione di questo nuovo cambio automatico intelligente ha visto in primo piano l’obiettivo di sposare il comfort di un cambio automatico tradizionale all’efficienza che un cambio manuale presenta in merito a consumo di carburante e prestazioni dinamiche.

Il DSG riduce il consumo di carburante

Nel corso del lavoro di sviluppo del DSG è emerso con sempre maggiore evidenza che questo sistema di trasmissione permette di ridurre sensibilmente il consumo di carburante, e quindi le emissioni nocive, rispetto a qualsiasi altro tipo di cambio automatico. In rapporto a un cambio manuale, infatti, il valore di risparmio può arrivare fino al 12% a seconda della motorizzazione, mentre rispetto a un cambio automatico con convertitore di coppia idraulico si è addirittura a livello del 20%. Considerando un Paese come gli Stati Uniti, classica roccaforte del cambio automatico, diventa subito evidente quale sia l’importanza del DSG in termini di riduzione dei consumi. Ed è per questo che, oltre che in Europa e in numerosi altro Paesi del mondo, la Volkswagen propone già il DSG a 6 marce anche sul mercato nordamericano per la Golf (inclusa la GTI e la R32), la Jetta e la Eos. In Europa il cambio DSG a 6 marce è inoltre disponibile per i modelli Golf Plus, Golf Variant, Touran, Caddy, Passat e Passat Variant, nonché per la Passat CC, la nuova coupé quattro porte della Volkswagen. Su scala mondiale la Volkswagen vende circa 400.000 veicoli all’anno dotati del cambio DSG. Continua a leggere

Fiat Panda 4×4 Adventure

CS Fiat

Da oggi è disponibile in Italia – e successivamente negli altri Paesi europei – la Fiat Panda 4×4 Adventure, l’inedita Serie Speciale che dà una nuova interpretazione del concetto “Auto ufficiale per fare quello che ti pare”. L’originale versione è destinata agli amanti della natura, a chi pratica hobby e attività all’aria aperta, ma anche ai professionisti del settore agricolo e forestale.

Robusta e con un ampio vano di carico, la nuova versione ricorda subito la famosa Panda 4×4 Sisley, il fuoristrada compatto che negli anni 90 divenne sinonimo automobilistico di praticità e resistenza. Proposta con la trasmissione integrale ed equipaggiata con i propulsori1.2 da 60 CV e 1.3 Multijet 16V da 70 CV, la Fiat Panda 4×4 Adventure è commercializzata in Italia rispettivamente a 14.100 euro e 16.000 euro (prezzi chiavi in mano).

Continua a leggere