Il ritorno dell’Abarth: Punto.

Comunicato Stampa Fiat Group Automobiles

Prodotti

Grande Punto Abarth 1.4 turbo da 155 CV

Il lancio della Grande Punto Abarth è un omaggio alle tante piccole Fiat del passato che il magico “tocco” Abarth ha reso grintose, dinamiche, sportive: veri “scorpioni” in grado di pungere sul vivo la passione di migliaia di automobilisti con il gusto della sfida, della velocità e dello stile italiano. E oggi, la Grande Punto Abarth vuole rinverdire i fasti di quelle vetture prestazionali offrendo la possibilità, soprattutto ai giovani, di entrare in un mondo di sportività in completa sicurezza e a un prezzo accessibile.
La Grande Punto Abarth è equipaggiata con motore 1.4 benzina turbo da 155 CV. Abbinato a un cambio meccanico a 6 marce, il propulsore permette alla vettura di raggiungere una velocità massima di 208 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in appena 8,2 secondi. Oltre che un piccolo campione di prestazioni, la Grande Punto Abarth è una vettura sicura e rispettosa dell’ambiente. Sicura perché l’intervento non si limita al motore e all’aerodinamica: il dimensionamento dei freni e l’assetto della vettura sono stati ridisegnati in funzione delle aumentate prestazioni. Ed è rispettosa dell’ambiente perché, pur con molti cavalli in più del modello da cui deriva, rispetta le stesse normative sul rumore e sulle emissioni (motore omologato Euro 4).
Sviluppata dai progettisti Abarth insieme ai tecnici che hanno fatto nascere la Grande Punto Fiat (una delle auto di maggiore successo d’Europa), la Grande Punto Abarth viene assemblata in fabbrica con tutte le regole e i controlli di una produzione industriale di serie.
Fin dalla prima occhiata, la Grande Punto Abarth colpisce per la grinta e l’eleganza. Rispetto alla normale produzione, si caratterizza per le carreggiate allargate di 6 millimetri, per cerchi in lega da 17” e per le fasce laterali rosse con scritta Abarth. Inoltre, il paraurti anteriore è specifico e integra i fari di profondità, incastonati in calotte nere, mentre le prese d’aria sono adattate alle esigenze di raffreddamento del nuovo motore e quindi complessivamente maggiorate con un disegno esclusivo Abarth. Infine, le minigonne, i codolini passaruota e il fondoscocca in plastica nera formano una carenatura completa della parte inferiore, profilata per aumentare la resa aerodinamica, che va fino al paraurti posteriore rastremato. Ovviamente sulla vettura spicca il marchio Abarth posto al centro del frontale, del portellone posteriore e anche sui due lati all’altezza della maniglia.
L’intervento sulla vettura è però soprattutto prestazionale, e ha interessato il motopropulsore, i freni e l’assetto. Il motore è un 4 cilindri 16 valvole da 1.368 cm3 (sovralimentato con turbo IHI a geometria fissa) che offre 155 CV a 5.500 giri/minuto e una coppia massima di 206 Nm a 5.000 giri/minuto. Inoltre, attivando la modalità “power boost”, la coppia massima sale a 230 Nm a 3.000 giri/minuto (ben il 10% in più) e la guida, ad asservimento elettrico, modifica la taratura aumentando il carico per una connotazione maggiormente sportiva. I freni sono a disco su tutte le ruote; quelli anteriori sono ventilati con pinza fissa Brembo a doppio pistoncino.
Le sospensioni derivano dal collaudato schema della Fiat Grande Punto (anteriore Mc Pherson e barra antirollìo, posteriore a ponte torcente) opportunamente rivisto: la barra antirollìo è stata maggiorata (diametro 19 mm), le molle anteriori sono più rigide del 20% e l’assetto è stato ribassato di 10 mm. Con questi interventi la vettura garantisce una tenuta di strada impeccabile mantenendo un comfort elevato. E a conferma dell’attenzione per la sicurezza prestata nel progetto di questa vettura (pensata specialmente per i giovani), l’ESP è di serie e non è disinseribile.
Infine, anche salendo a bordo della vettura la personalizzazione Abarth è evidente: per esempio, su un lato della plancia fa bella mostra lo scorpione mentre la consolle centrale “effetto carbonio” è decorata con un motivo a cubi in rilievo. E ancora: la strumentazione adotta una grafica sportiva e la stessa caratterizzazione per volante e pomello del cambio che sono rivestiti in pelle nera con cuciture rosse. Non ultimo, i sedili sono molto ricercati, con poggiatesta integrato, supporto lombare e due “ali” per il trattenimento laterale all’altezza delle cosce (è possibile avere, a richiesta, il rivestimento dei sedili e della parte centrale della plancia in pelle “primo fiore”).

Scheda tecnica di Grande Punto Abarth 1.4 turbo da 155 CV (DOWNLOAD)

Grande Punto Abarth con il kit “esseesse”

All’inizio del 2008 la gamma della Grande Punto Abarth sarà completata dal kit “esseesse” (Super Sport).
Il kit “esseesse” è un kit prestazionale riservato alla Grande Punto Abarth, e può essere installato solo presso i centri di preparazione ufficiali Abarth. La preparazione può essere contestuale o successiva all’acquisto della vettura: in questo secondo caso, il limite massimo è un anno di vita o 20.000 Km percorsi. Al termine dell’intervento, è lo stesso preparatore a curare la pratica di omologazione della vettura: un piccolo servizio, ma soprattutto una garanzia in più per il cliente.
Con il kit “esseesse”, la Grande Punto Abarth sviluppa una potenza quasi doppia rispetto al modello Fiat da cui deriva (un dato in linea con la storia: la Fiat 500 del 1958 offriva 13 cavalli, mentre la stessa vettura modificata Abarth arrivava a 26). Infatti, equipaggiata con un 1.4 da 16v potenziato a 180 CV (a 5.750 giri/min) e con una coppia massima di 272 Nm, la Grande Punto Abarth “esseesse” raggiunge i 215 km/h di velocità massima e accelera da 0 a 100 km/h in appena 7,7 secondi. Inoltre, il kit offre alcuni elementi estetici esclusivi, per esempio, gli adesivi con la scritta “esseesse” e quelli con la bandiera a scacchi. Inoltre, completano il kit i cerchi in lega da 18” e alcune specifiche modifiche meccaniche per un diverso comportamento dinamico come dimostrano il particolare assetto (le sospensioni, sia anteriori sia posteriori, sono state ribassate di ulteriori 20 mm rispetto alla Grande Punto Abarth) e un impianto frenante più performante (i dischi anteriori sono forati e forniti con pastiglie alto prestazionali). Dunque, il kit “esseesse” è un prodotto integrato e sicuro in quanto il motore non può essere preparato senza effettuare contemporaneamente il potenziamento dei freni e la modifica dell’assetto. E tutto questo sarà possibile solo nei centri di preparazione Abarth.


Merchandising & Licensing

A supporto e completamento della strategia di rilancio del Marchio, Abarth & C. è impegnata parallelamente su due fronti. Da un lato lo sviluppo di una serie di accordi in licenza con primari operatori nei diversi settori merceologici; dall’altro lato un impegno diretto della società attraverso un’attività di sviluppo e realizzazione di oggetti in merchandising. Ovviamente, la politica di distribuzione di questi oggetti sarà coerente con l’immagine di Abarth.
Inoltre, per quanto concerne l’attività di licensing, ad oggi sono stati siglati alcuni accordi con partner di eccellenza in settori che vanno dal publishing ai prodotti tecnici, dagli additivi prestazionali al modellismo. Infine, nel breve periodo sono previsti altri importanti accordi nel campo dell’abbigliamento e del “total look” firmato Abarth.

Rete distribuzione e Officine Abarth

Flagship e Officine Abarth

La struttura commerciale, esclusiva Abarth, si basa su quattro livelli, ciascuno con un preciso ruolo e una rigorosa caratterizzazione estetica: Flagship, Concessionarie, Preparatori specializzati e Officine di assistenza.
Denominate Officine Abarth, le flagship saranno quattro nel mondo e rappresenteranno il riferimento del marchio nei mercati-chiave. In Italia, ovviamente, la sede non poteva che essere quella storica a Torino in corso Marche a dimostrazione che il legame con la tradizione non è solamente ideale, ma tangibile e concreto. Insomma, una vera e propria rinascita del marchio Abarth che declina tutti i significati del concetto di sportività, anche nelle sue accezioni più esclusive: valeva negli anni 60, vale oggi, varrà domani.
Il concept delle Officine Abarth trae ispirazione dalla famosa “cassetta di trasformazione” Abarth, realizzata in legno Thai, con il famoso scudo “Abarth” posto sulla parte frontale dell’entrata. All’esterno spiccano i colori istituzionali: rosso e bianco, con dettagli in grigio, e impreziositi da elementi dell’identity in acciaio inox lucidato. Inoltre, l’ingresso è contraddistinto dall’insegna retroilluminata con logo “Abarth” e da uno scorpione in acciaio inox lucidato, visibile anche in versione notturna essendo la sua forma illuminata. E scudetti Abarth impreziosiscono la facciata segnata dall’immancabile tricolore che evidenzia l’italianità di questo prodotto conosciuto in tutto il mondo
A terra, poi, sempre uno scorpione con le sue chele introduce alla zona merchandising di circa 250 metri quadri. E una volta dentro le Officine Abarth il cliente conosce il mondo Abarth attraverso una carrellata di immagini storiche posta sulla parete mentre, nella zona merchandising, si alternano mobili in color acciaio, immagini d’ispirazione per l’abbigliamento e tavoli a scacchi bianchi e rossi. Uscendo dall’area ci si ritrova nell’ampio spazio espositivo di circa 450 metri quadri dove un “car configurator” aiuta a scegliere tra le tante personalizzazioni possibili. In dettaglio, il pavimento è in resina rosso Abarth e contribuisce ad esaltare il bianco delle vetture (il loro posizionamento è evidenziato da segni in colore nero con dettaglio delle prestazioni). Inoltre, l’ambiente è suddiviso da setti sospesi in vetro scuro e specchiante con descrizione della vettura esposta mentre la striscia istituzionale Abarth decora il muro di fondo.
Vera e propria novità è l’officina posta in vetrina: un suggestivo spazio di 170 metri quadri in cui verranno effettivamente praticate trasformazioni alle vetture e diviso dalla zona espositiva da grandi vetrate su cui è applicata una texture di elementi meccanici.
Infine, per gli appassionati è stata realizzata una zona di circa 90 metri quadri adibita alla vendita dei “kit”, le famose cassette di trasformazione verranno vendute al pubblico così come sticker, pedaliere, volanti e tutto il necessario per rendere unica la propria vettura Abarth.

Concessionarie, Preparatori specializzati e Officine di assistenza

Il secondo livello della rete di distribuzione Abarth è costituito dalle Concessionarie che saranno in numero ristretto (per esempio, in Italia saranno circa 40) e garantiranno un rapporto con il cliente specializzato ed esclusivo.
Sotto l’insegna “Abarth assetto corse” si contraddistinguono, in Italia, circa 40 Preparatori Abarth che saranno gli unici centri abilitati a installare i kit prestazionali (a partire dal kit “esseesse”), garantendo il rispetto di tutte le norme ecologiche e di sicurezza e curando direttamente l’omologazione per conto del cliente.
Infine, completano la Rete le officine di assistenza Abarth (sotto l’insegna “Abarth servizio”) che saranno vincolate a severi standard di specializzazione, tecnologia e servizio: a settembre, in Italia, sono già attive 60 officine ma destinate a raggiungere la quota di oltre 100 unità per migliorare capillarità ed assistenza delle vetture.

 

 

3 thoughts on “Il ritorno dell’Abarth: Punto.

  1. arwenh scrive:

    e’ veramente bella. Mi piacciono sia la nuova Punto che la nuova 500. peccato che costino troppo care …

  2. pionse scrive:

    non credo siano troppo care: la concorrenza costa spesso di più e offre di meno

  3. Cisco scrive:

    e aspetta la 500 abarth😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: